University of CalabriaHRS4RUniversity of CalabriaHRS4R
University of CalabriaHRS4R
Search
Search
Address bookAddress book
Italian English Chinese French Portuguese Espanol Arabic Russian
PhD Programs
Marie Skłodowska-Curie Fellowships
Fixed-term researchers RTDA

Marie Skłodowska-Curie Fellowships

Funding for training and mobility of young researchers.
Marie Skłodowska-Curie Action

Progetti finanziati

Chi ha vinto all'Università della Calabria le Marie Skłodowska-Curie - Borse di studio individuali

Mario Coscarello_Giovani Ricercatori

ESSENTIALS - Experiences of Social and Solidarity Economy: Networks of Incubators as TerritoriAL development Strategies

L’obiettivo principale è fornire un approfondimento dello studio e interpretazione dei processi che contribuiscono alla promozione di modelli capaci di costruire un’Europa più sociale e solidale e più vicina ai cittadini. In particolare, il progetto si concentra sugli Incubatori Sociali (IS), esperienze che possono favorire lo sviluppo socio - economico di un’area specifica o di un intero paese, attraverso processi d’innovazione sociale e di trasferimento delle conoscenze. La ricerca, condotta in Argentina e Brasile, sarà confrontata (con metodi quantitativi e qualitativi) con le attività di incubazione europee, in collaborazione con l’Università Nazionale di Quilmes e il Politecnico di Torino. Oltre a contribuire al dibattito scientifico sul ruolo degli IS e sul modello più efficace da adottare, i risultati della ricerca apporteranno nuove conoscenze sul tema degli incubatori orientati al territorio e suggeriranno soluzioni pratiche per l’implementazione di tali esperienze in Europa realizzando uno studio pilota per la creazione di un incubatore sociale nell’Università della Calabria.

Links 

Sito ESSENTIALS

Cordis Europa

Maria Giovanna Durante

ReStructure 2.0 - A novel physics-based methodology for the seismic analysis of retaining structures leveraging machine learning techniques

La progettazione sismica delle opere di sostegno è fondata su una teoria formulata oltre 100 anni fa, che non considera il reale comportamento del sistema terreno-struttura. Tale metodo conduce spesso ad una progettazione troppo cautelativa con un conseguente dispendio di risorse senza garantire alcun miglioramento delle prestazioni e della sicurezza dell’opera. Una progettazione di questo tipo risulta diametralmente opposta ai principi dell’European Green Deal in cui la necessità di risparmiare materie prime è uno dei punti cardine della Building and Renovation policy.  ReStructure 2.0 utilizza i principi fisici dell’interazione terreno struttura per sviluppare un innovativo metodo di progettazione che assegna allo spostamento relativo tra opera e terreno un ruolo centrale nella determinazione della risposta sismica dell’intero sistema, integrando simulazioni numeriche, dati sperimentali, database relazionali, e tecniche di intelligenza artificiale. L’uso di un adeguato metodo di progettazione come quello proposto in ReStructure 2.0 può produrre una significativa riduzione delle risorse utilizzate per la costruzione dell’opera, rendendo l’intero processo più sostenibile, economico, ed ecologico.

Links:

Sito Progetto ReStructure 2.0

Cordis Europa