DISU
Studi Umanistici
Laboratorio di ricerche fenomenologiche
 

Home Dipartimento Studi Umanistici

 

Home LARIFE

Chi siamo

Testi

Link di interesse

Attività e News

Collaboratori 

 

 


Vincenzo VITIELLO

Professore di I fascia

Università "Vita-Salute San Raffaele" di Milano

 

email: witiello@libero.it

 

Vincenzo Vitiello, professore ordinario di Filosofia Teoretica, ha insegnato nelle Università dell’Aquila e di Salerno; è attualmente docente di “Teologia Politica” all’Università “Vita-Salute San Raffaele” di Milano,

Ha tenuto Conferenze, Seminari e Corsi di lezioi in varie Istituzioni europee (Germania, Francia, Spagna, Croazia) ed extraeuropee (USA, Messico, Argentina, Cile). Suoi scritti sono tradotti in tedesco, francese, spagnolo, inglese, polacco. È socio corrispondente dell’Asociación de Filosofía Latino-americana y Ciencias sociales de Buenos Aires. Nel 2012 l’Universidad Nacional San Martín di Buenos Aires gli ha conferito la laurea h. c. in Filosofia. Nello stesso anno gli è stato attribuito il Premio Lorenzo Montano, e per l’occasione le Edizioni Anterem di Verona hanno pubblicato una silloge del suo pensiero: Una Filosofia errante. Topologia, Religione, Arte.

Studioso di Kant e dell'idealismo classico tedesco, di Vico, Nietzsche, Huserl, Heidegger e Benjamin in stretto rapporto con il pensiero greco (in particolare Platone, Aristotele e Plotino) e con la tradizione cristiana (Paolo, Agostino, Anselmo d’Aosta, Eckhart, Cusano), Vitiello ha concentrato la sua ricerca teorica su questo triplice ordine di relazioni: 1) dialettica e ermeneutica, 2) filosofia, teologia, nichilismo 3) genealogia del linguaggio e arte. L’ordinamento strutturale di questa ricerca è stato definito in Topologia del moderno (Genova, 1992), il cui tema di fondo è la determinazione del concetto di topos come orizzonte di senso non storico ma trascendentale dell’operare umano. La topologia trascendentale ha avuto ulteriori sviluppi in Elogio dello spazio(Milano, 1994; ed. tedesca parziale, Freiburg i. Br 1993), Genealogía de la modernidad (Buenos Aires 1998), La Favola di Cadmo. La storia tra scienza e mito da Blumenberg a Vico (Roma, 1998), Vico e la Topologia (Napoli, 2000), Grammatiche del pensiero (Pisa 2009), L’ethos della topologia (Firenze 2013).

Principali studi sui diversi orizzonti tematici sopra delineati:

I) dialettica-ermeneutica: Heidegger: il nulla e la fondazione della storicità (Urbino 1976); Dialettica ed ermeneutica: Hegel e Heidegger (Napoli 1979); Ethos ed Eros in Hegel e Kant (Napoli 1984); Bertrando Spaventa e il problema del cominciamento (Napoli 1990); La voce riflessa. Logica ed etica della contraddizione (Milano 1994); Filosofia teoretica. Le domande fondamentali: Percorsi e interpretazioni (Milano 1997); Hegel in Italia. Dalla storia alla logica (Milano 2003).

II) Filosofia, Teologia, nichilismo: Utopia del nichilismo. Heidegger e Nietzsche (Napoli 1978); Cristianesimo senza redenzione (Roma, 1995; trad. spagnola, Madrid 1999); Filosofia e cristianesimo. Dialogo sull’inizio e la fine della storia (con Massimo Cacciari e Buno Forte; Napoli 1997); Secularización y Nihilismo (Buenos Aires 1999); Da Hegel a Vico. Logica, storia, natura, ovvero: la difficile memoria del Sacro (in: S. Otto – V. Vitiello, Vico-Hegel, La memoria e il sacro, Napoli 2001); La vita e il suo oltre. Dialogo sulla morte (con Bruno Forte, Roma 2001); Il Dio possibile (Roma, 2002), Dire Dio in segreto (Roma 2005; I Premio Internazionale “Salvatore Valitutti”); Dialoghi sulla fede e la ricerca di Dio (con Bruno Forte, Roma 2005); E pose la tenda in mezzo a noi… (Milano 2007); Ripensare il Cristianesimo. De Europa (Torino 2008); Dipingere Dio (con: B. Forte e S.  Nono, Milano 2008); Oblio e memoria del Sacro (Bergamo 2008); Paolo e l’Europa: l’incontro tra messaggio evangelico e filosofia (in: G. Rossé – V. Vitiello, Paolo e l’Europa, Roma 2014); Europa. Topologia di un naufragio (Milano 2017).

III) Genelogia del linguaggio e arte: La palabra hendida (Barcelona 1990); I tempi della poesia. Ieri / Oggi (Milano 2007; trad. spagnola, Madrid 2009); Il paese della memoria. La Buenos Aires di Jorge Luis Borges (in: F. Duque – V. Vitiello, Jorge Luis Borges. Tempo e memoria, Napoli 2007); Borges. Memoria y lenguaje (Madrid 2007); Vico. Storia – linguaggio – natura (Roma 2008); Heidegger Celan: un rapporto impossibile Heidgger (in: F. Duque – V. Vitiello, Celan Heidegger, Milano 2011); L’immagine infranta. Da Vico a Pollock (Milano 2014).

Ha curato, in collaborazione con Manuela Sanna, il volume: G. Vico, La Scienza Nuova. Le tre edizioni 1725, 1730 e 1744 (Milano 2012; e con Alberto Folin, traduttore, l’edizione italiana del Livre des Questions di Jabès (Milano 2015).

Nel 1992, insieme con Massimo Cacciari, Sergio Givone, Carlo Sini ha fondato la Rivista di Filosofia e Cultura “Paradosso”. Ha collaborato per vari anni all’Annuario Filosofia, di Gianni Vattimo, e nel 1995 all’Annuario Europeo sulla Religione, di Jacques Derrida e Gianni Vattimo. Ha collaborato e collabora a: “Aut Aut”, “Teoria”, “Revista de Occidente”, “Celan-Jahrbuch”, “Sileno”, “ER. Revista de Filosofia”, “Quaestio”. Annuario di storia della metafisica”,“Archivio di Filosofia”, “Estudios Nietzsche”, “Rassegna di Teologia”, “Asprenas. Rivista di Scienze teologiche”, “Hermeneutica”, “Annuario Filosofico”, “Iride”, “Bollettino di Studi Vichiani“, Nóema”, “El Pensamiento”, “Bollettino Filosofico” e a molte altre riviste di Filosofia e Cultura, italiane ed estere. Dirige la Rivista “Il Pensiero” dal 2005, e dal 2013 insieme con Massimo Adinolfi.