DISU

 

Antonio MENDICINO

Ricercatore

Dipartimento di Studi Umanistici

Settore scientifico disciplinare L-LIN/01 GLOTTOLOGIA E LINGUISTICA

 

tel. (+39) 0984.494104

email: antonio.mendicino@unical.it

Cubo 27B - 3º piano

 

 Linee di ricerca 

Nel corso degli anni ha approfondito, in particolare, temi riguardanti la fonetica articolatoria e acustica per mezzo delle strumentazioni hardware e software disponibili presso il Laboratorio di Fonetica dell’Unical. Tale attività di ricerca ha avuto come esito la pubblicazione, in collaborazione, di vari contributi di fonetica acustica e articolatoria sui dialetti e sulle varietà di italiano calabresi, tra cui: “Isocronia” e “base di articolazione”: uno studio su alcune varietà meridionali (1991); Stime vocaliche problematiche (1994); L’albanese standard: vocalismo e strategie temporali (1997); Micro e Macrofenomeni di centralizzazione nella variazione diafasica: rilevanza dei dati fonetico-acustici per il quadro dialettologico del calabrese (1997); La neutralizzazione delle vocali finali in crotonese: un esperimento percettivo (1998); Fonetica, fonologia e dialettologia: un rapporto complesso (2000); Retroflexion and/or 'cacuminalization': the phonology and phonetics of a common process (2002); Il sistema MDVP: verso una standardizzazione delle soglie di normalità (2009).

Attualmente è membro dell’Associazione Italiana di Scienze della Voce (AISV), del Gruppo di Ricerca di Glottologia e linguistica del Dipartimento di Studi Umanistici e del Comitato di Redazione del Vocabolario Calabro (Laboratorio del Vocabolario Etimologico Calabrese). Nell’ambito di queste collaborazioni, ha curato i volumi Toponomastica Calabrese (in coll. con Trumper J e Maddalon M., 2000); Etnolinguistica e Zoonimia: le denominazioni popolari degli animali (in coll. con Prantera N. e Maddalon M., 2004); Parole – Il lessico come strumento per organizzare e trasmettere gli etnosaperi (in coll. con Prantera N. e Citraro C., 2010). Più di recente sono stati ultimati e pubblicati, a cura di J. B. Trumper, il II volume (F-O) e la riedizione del I volume (A-E) del Vocabolario Calabro (Edizioni dell’Orso 2017 e 2019).

I principali interessi vertono su tematiche di fonetica acustica e articolatoria, fonologia, morfofonologia e morfosintassi; parallelamente a queste linee di ricerca, sono tuttora in corso indagini sociolinguistiche – sul code-switching e code-mixing tra italiano e dialetto nelle varietà calabresi – ed etnolinguistiche sul lessico marinaresco e sui termini delle malattie degli animali d’allevamento in Calabria. Pubblicazioni correlate a tali indirizzi di ricerca sono, tra le altre: Parole transumanti: le denominazioni delle malattie degli animali in alcune aree calabresi; in coll. con Prantera N., Il complementatore mu/ma/mi nei dialetti meridionali estremi d’Italia: un caso complesso tra morfologia e sintassi (2013); in coll. con Citraro C., Voci dai due mari: il lessico marinaresco in Calabria (la barca e le reti) (2013); in coll. con Belluscio G.M.G., Sulle vocali nasali e nasalizzate dell’albanese (2018); Allomorfofonema e allomorfofono: unità d’interfaccia tra fonologia e morfologia (2018); in coll. con Prantera N., L’assimilazione dei nessi ND e MB nei dialetti calabresi. Spunti di riflessione offerti dalla Gierusalemme Liberata (1690) di Giuseppe Coco da Policastro (2019); in coll. con Prantera N., La Gierusalemme Liberata di Giuseppe Coco di Policastro. Prime considerazioni linguistiche su un testo in calabrese del 1690 (2020).

 

 Gruppo di ricerca

 

 

Glottologia, linguistica teorica e applicata