Calcolo del voto di laurea / Sedute di Laurea

Calcolo del voto di laurea

La votazione finale è ottenuta:

  1. calcolando la media espressa in centodecimi delle votazioni riportate in ciascuna attività formativa, tranne la prova finale, i cui crediti siano stati acquisiti, riconosciuti o convalidati nel periodo di iscrizione al CdLM in SIDAM ponderate sulla base dei relativi crediti;

  2. aumentando il risultato così ottenuto di 0,3 punti per ogni lode in attività formative da più di 5 crediti e di 0,15 punti per ognuna di quelle ottenute in attività formative da 5 crediti o meno;

  3. aumentando il risultato così ottenuto di 2 punti qualora lo studente abbia trascorso un periodo di studio all’estero nell’ambito di programmi di mobilità internazionale dell’Ateneo non inferiore a 80 giorni e abbiano ottenuto il relativo riconoscimento dei crediti in carriera. È consentita l’attribuzione dell’incremento dei 2 punti in carriera una sola volta, indipendentemente dal numero di programmi di mobilità a cui si è partecipato;

  4. la commissione per la valutazione della prova finale può aumentare il risultato così ottenuto di un ammontare compreso tra 0 e 10 punti, in base alla valutazione della tesi e della sua discussione;

  5. in ogni caso, l’incremento ottenuto della media calcolata in (a) per come indicato in (b), (c) e (d) non potrà complessivamente superare 110 centodecimi;

  6. la votazione così ottenuta è arrotondata al centodecimo più vicino; se essa supera 110/110 è troncata a tale valore;

  7. nel caso in cui la votazione dello studente determinata come specificato sopra risulti pari a 110/110, la commissione per la valutazione della prova finale può decidere, ad unanimità, di attribuire anche la lode;

  8. la commissione per la valutazione della prova finale attribuisce la “menzione speciale” per l'eccezionalità del curriculum, ossia una media per come indicato in (a) e (b) non inferiore a 108/110, un punteggio per la tesi, per come indicato in (c), non inferiore a 8 punti e, per come indicato in (g), un punteggio finale con lode. Si richiede, inoltre, che il candidato consegua il titolo entro la durata normale del corso.

  9. La dignità di stampa viene richiesta dal relatore presentando alla commissione per la valutazione della prova finale, all’atto della nomina della stessa, la copia in formato elettronico della tesi e una relazione scritta in cui specifica: originalità dell'argomento trattato, livello scientifico, eccezionalità dei risultati raggiunti ed eventuali altre specifiche motivazioni.

A seguito della ricezione della richiesta, il Coordinatore del Consiglio di Corso di Studio nomina un controrelatore che sarà integrato nella commissione per la valutazione della prova finale, qualora non sia stato già nominato nella stessa. Il controrelatore è tenuto ad esprime un parere motivato sulla base di un approfondito esame della tesi e di un’attenta valutazione dei risultati che dovranno essere presentati in un seminario pubblico tenuto dal candidato entro il quarto giorno antecedente la data della prova finale. È compito del relatore organizzare il seminario e darne ampia diffusione. Al termine del seminario, il controrelatore invia la propria valutazione in forma scritta alla commissione che l’acquisisce come elemento per la valutazione finale.

La dignità di stampa è indipendente dal voto finale e viene accordata con voto unanime dalla commissione per la valutazione della prova finale sulla base della documentazione ricevuta e della discussione della tesi durante il seminario e la prova finale.