DFSSN

Dipartimento di
Farmacia e Scienze della Salute e della Nutrizione
Dipartimento di Eccellenza L. 232/2016

OBIETTIVI FORMATIVI

I laureati nei corsi di laurea specialistica della classe devono:

·           sulla base delle nozioni acquisite durante il corso di laurea triennale inerenti i meccanismi biochimici, fisiologici e della digestione e dellÂ’assorbimento anche nei loro correlati fisiopatologici, devono  conoscere i processi metabolici a carico dei nutrienti, gli effetti dovuti alla malnutrizione per eccesso e per difetto e quelli conseguenti alle intolleranze alimentari;

·           devono conoscere sulla base delle nozioni acquisite, come mettere in atto nelle condizioni di patologia che interferiscono con la pratica dellÂ’alimentazione , tutte le tecniche di nutrizione assistita.

·           possedere una solida conoscenza delle proprietà dei nutrienti e dei non nutrienti contenuti negli alimenti e le eventuali modificazioni durante i processi tecnologici  ;

·           essere capaci di valutare la composizione corporea nei suoi sottoinsiemi fondamentali (molecole, cellule, tessuti) e le tecniche di valutazione dei singoli distretti; il metabolismo corporeo, il dispendio energetico, le tecniche ed i metodi di misura anche in rapporto allÂ’applicazione di tecniche dietetiche in funzione dei diversi quadri di fisiopatologia endocrino-metabolico;

·           essere in grado di conoscere e applicare le principali tecniche laboratoristiche di valutazione dello stato di nutrizione relativo ai macro e micronutrienti e saperne interpretare i risultati in funzione dei correlati clinico-fisiopatologici;

·           conoscere la legislazione alimentare e sanitaria nazionale e comunitaria per quanto riguarda la commercializzazione e il controllo degli alimenti, degli ingredienti, degli additivi e degli integratori alimentari;

·           conoscere le principali tecnologie industriali applicate nella preparazione di integratori alimentari e di alimenti destinati ad alimentazioni particolari;

·           essere in grado di definire gli apporti energetici e le qualità nutrizionali dei singoli alimenti e conoscerne la composizione di base ed i fattori che regolano la biodisponibilità dei macro e dei micronutrienti;

·           conoscere lÂ’influenza degli alimenti sul benessere e sulla prevenzione delle malattie ed i livelli di sicurezza  sotto il profilo chimico-analitico,biologico,microbiologico degli stessi sottoposti a trasformazioni tecnologiche e/o biotecnologiche, nonché i livelli tossicologici, le dosi giornaliere accettabili ed il rischio valutabile nellÂ’assunzione di sostanze contenute o veicolate dalla dieta;

·           conoscere le tecniche di rilevamento dei consumi alimentari e le strategie di sorveglianza nutrizionale su popolazioni in particolari condizioni fisiologiche, quali gravidanza, allattamento, crescita, senescenza ed attività sportiva;

·           conoscere le metodologie per la messa a punto di sistemi di certificazioni di qualità nella produzione alimentare e nellÂ’intera filiera agro-alimentare;

·           conoscere le problematiche relative alle politiche alimentari nazionali ed internazionali;

·           essere in grado di utilizzare fluentemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell'Unione Europea oltre l'italiano, con riferimento anche ai lessici disciplinari.

 

I laureati specialisti della classe svolgeranno attività finalizzate alla corretta applicazione dellÂ’alimentazione, della nutrizione e delle relative normative vigenti, utilizzando le nuove tecnologie applicate allÂ’alimentazione e nutrizione umana e interpreterandone i dati al fine di valutare la qualità nutrizionale, la sicurezza, lÂ’idoneità degli alimenti per il consumo umano, la malnutrizione in eccesso o in difetto nellÂ’individuo e nelle popolazioni. In particolare, le attività che i laureati specialisti della classe potranno svolgere sono:

·         collaborazione ad indagini sui consumi alimentari volte alla sorveglianza delle tendenze nutrizionali della popolazione anche in contesti internazionali;

·         valutazione delle caratteristiche nutrizionali degli alimenti e delle loro modificazioni indotte dai processi tecnologici e biotecnologici;

·         analisi della biodisponibilità dei nutrienti negli alimenti e negli integratori alimentari e dei loro effetti;

·         applicazione di metodiche atte a valutare la sicurezza degli alimenti e la loro idoneità per il consumo umano;

·         verifica della corretta assunzione di alimenti per raggiungere i livelli raccomandati di nutrienti per il mantenimento dello stato di salute anche in rapporto a  pregresse  condizioni di malattie che hanno interessato la sfera nutrizionale;

·         valutazione dello stato di nutrizione più consono alle caratteristiche fisiche e psichiche dell'individuo sottoposto a stress, con particolare riguardo all'attività fisica ed agonistica ed anche a beneficio di eventuale protocolli terapeutici;

·         informazione ed educazione rivolta agli operatori istituzionali e alla popolazione generale sui principi di sicurezza alimentare;

·         collaborazione a programmi internazionali di formazione e di assistenza sul piano delle disponibilità alimentari in aree depresse e in situazioni di emergenza;

·         collaborazione alle procedure di accreditamento e di sorveglianza di laboratori e strutture sanitarie, per quanto riguarda la preparazione, conservazione e distribuzione degli alimenti.

 

Ai fini indicati, i curricula dei corsi di laurea della classe:

·           comprendono attività teoriche e pratiche che permettono di acquisire le conoscenze essenziali dei modelli corporei e dei metodi di valutazione dei distretti, avendo la necessaria base formativa per il miglioramento delle tecniche e dei metodi di misura. Congiuntamente comprendono lo studio di tecniche e metodologie per la valutazione delle qualità nutrizionali dei singoli alimenti, il contenuto in principi nutrizionali, la loro stabilità e la eventuale tossicità;

·           prevedono attività di laboratorio e di pratica sui metodi e tecniche di rilevamento di composizione corporea e di dispendio energetico, e attività di laboratorio per la valutazione dei macro e micro nutrienti dei singoli alimenti e delle loro caratteristiche biochimiche, fisiologiche, nutrizionali e tossicologiche, per non meno di 30 crediti complessivi;

·           prevedono attività esterne come tirocini formativi e stages.

 

I regolamenti didattici di ateneo determinano, con riferimento all'articolo 5, comma 3, del decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509, la frazione dell'impegno orario complessivo riservato allo studio o alle altre attività formative di tipo individuale in funzione degli obiettivi specifici della formazione avanzata e dello svolgimento di attività formative ad elevato contenuto sperimentale o pratico.