Arcavacata, giovedì 14 novembre 2019

CNR - PRA. Bando per attività di ricerca rivolte ad approfondire le conoscenze in Artico
Scadenza: 6 dicembre 2019


Pubblicato il bando del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) che finanzia attività di ricerca rivolte ad approfondire le conoscenze in Artico, in linea con i temi e gli obiettivi scientifici del Programma di Ricerche in Artico (PRA).

Nello specifico il bando riguarda i seguenti temi scientifici: a) la comprensione quantitativa dei complessi processi responsabili della “Arctic Amplification”, ovvero i motivi per cui l’Artico si sta scaldando a un ritmo molto più veloce del resto del pianeta; b) la caratterizzazione dei cambiamenti della composizione, della dinamica, della stabilità e della struttura verticale dell’atmosfera e della colonna d’acqua dei mari artici; c) i cambiamenti degli ecosistemi artici, sia marini sia terrestri, e le relative conseguenze sulla dinamica e distribuzione delle popolazioni animali e vegetali, sulle interazioni suolo-vegetazione-atmosfera, sui cambiamenti della fenologia e sulla biodiversità nel contesto dell’attuale rapida deglaciazione continentale e marina; d) le ricostruzioni paleoclimatiche ottenute dall’analisi integrata di dati geochimici, geologici e geofisici dell’ambiente marino e delle carote di ghiaccio; gli effetti dei cambiamenti climatici e ambientali sul benessere, sulla salute e sulla sicurezza delle popolazioni che vivono in Artico.
 
SOGGETTI AMMISSIBILI
Università e istituzioni universitarie italiane, statali e non statali; Enti e Istituzioni Pubbliche Nazionali di Ricerca vigilati dallo Stato; altri organismi di ricerca in possesso dei requisiti previsti da Regolamento (CE) n. 651/2014 della Commissione Europea del 6 agosto 2008. Ogni unità di personale dei soggetti proponenti può partecipare ad una sola proposta di ricerca.
 
BUDGET
Euro 710.000. Il CNR interviene a sostegno delle proposte selezionate nella misura dell’80% dei costi ammissibili. Le proposte dovranno avere un costo non inferiore a 50mila euro e non superiore a
250mila.
 

Fonte: CNR






letto 61
ultimo aggiornamento: giovedì 14 novembre 2019 - 15:23