Arcavacata, martedì 30 aprile 2019

Microteatro, al DAM rassegna di teatro e socialità a km zero
Ore 20:30, Polifunzionale, UniCal


Torna all’Università della Calabria “Microteatro”, rassegna di teatro e socialità a chilometro zero, organizzata dall’associazione culturale Entropia in collaborazione con Libero Teatro e Zahir e giunta alla terza edizione. Dal 30 aprile al 21 maggio, nella sala teatro del DAM Dipartimento Autogestito Multimediale dell'ateneo, uno spettacolo ogni martedì e un incontro tra operatori teatrali e non solo. Quattro spettacoli che spaziano dalla commedia al teatro-canzone, raccontando storie locali e nazionali, personali e collettive, storie di emigrazione e di ritorno, storie di conflitti, di violenza e di pace, storie disperate e di speranza. C'è la Calabria del passato e quella del presente in Microteatro, c'è l'ambizione di guardare avanti e di lato, al proprio vicino, mettendo insieme linguaggi diversi capaci di parlare alle persone, allo scopo di farle incontrare e ritrovare. Rompere l'isolamento del tempo presente attraverso l'arte, sostenere gli artisti locali, animare il Campus di Arcavacata, portare gli studenti a teatro negli spazi dove quotidianamente studiano e socializzano.

La rassegna apre con la “profonda leggerezza” di Quasi quasi m’ammazzo (InMediArt), commedia di Giuseppe Vincenzi, con Alessandra Chiarello, Paolo Mauro, Ciccio Aiello, Stefania De Cola. Il racconto divertente e surreale dell’ultima cena di un uomo, Marco, il protagonista, piccolo imprenditore ormai sfinito che decide di lasciare tutti i suoi averi alla moglie per saldare i debiti, dopodiché, secondo la logica dei tempi moderni, dovrebbe farla finita. In un triste e isolato ristorante di una grande città dove non ci sono camerieri, decide di riflettere sul da farsi: ‘Intanto mangio, e poi quasi quasi m’ammazzo’.
Il secondo appuntamento il 7 maggio è con l'esilarante comicità di Nunzio Scalercio e le sue "50 sfumature di Nunzio", un concentrato di personaggi, canzoni e video doppiati, che hanno reso celebre il creatore di Spigaweb.org raccontando la città di Cosenza dal 1969 ad oggi. "Perché nel mezzo del cammin di questa vita c’è bisogno di volare oltre ogni barriera e ZTL".
Martedì 14 l’appuntamento è doppio. Un incontro tra operatori teatrali del territorio, studenti dell'Unical e quanti sognano di lavorare nell'ambito del teatro, per fare il punto sul settore in Calabria e provare a orientare i giovani nella direzione giusta. E a seguire, il terzo spettacolo della rassegna, Bollari, di e con Carlo Gallo, prodotto da Teatro della Maruca, con la collaborazione artistica di Peppino Mazzotta. Tratto da racconti orali di anziani calabresi, “Bollari” è una storia di mare che si chiude sopra il deserto dei valori di un mondo travolto dal regime e dalla guerra. Sulle coste desolate del Mar Jonio, immersi nel silenzio tra i colori della macchia Mediterranea, è divenuto sempre più raro assistere a quel miracolo che avveniva tra i pescatori e il mare, un fenomeno che veniva indicato con il termine “Bollari”.
Chiude la rassegna La guerra di prima (Proskenion) di e con Nino Racco e Vincenzo Mercurio. Due attori-soldato al fronte della Grande Guerra. Nel centenario della Prima Guerra Mondiale, Proskenion ricorda i diciassette milioni di soldati morti nei campi di battaglia, la maggior parte semianalfabeti, vittime di una strategia e di una pianificazione cinica e guerrafondaia. Non una celebrazione ma una interrogazione al destino, al fato, all’ingiustizia politica ed economica che ha falciato e cancellato milioni di giovani vite. La storia si dipana da una paradossale e divertita ipotesi scenica: due attori-soldato sono chiamati al fronte non per combattere ma per mettere in scena “uno spettacolino” al fine di allietare e confortare le truppe nelle pause del combattimento.

L'orario d'inizio degli spettacoli è fissato alle ore 20:30, ma le serate saranno aperte da un aperitivo di socialità a km zero dalle 19:30. Considerata la capienza limitata della sala teatro del DAM, è gradita (e fortemente consigliata) la prenotazione agli spettacoli, telefonando ai numeri 0984.493086, 345.8064479, 392.7689706.
 

 



Galleria Fotografica



letto 211
ultimo aggiornamento: martedì 23 aprile 2019 - 11:42