Arcavacata, venerdì 22 marzo 2019

Horizon Europe: raggiunto l’accordo provvisorio tra le istituzioni UE


Concluso nei giorni scorsi l’accordo provvisorio tra Commissione, Parlamento e Consiglio (provisional agreeement) su Horizon Europe, il programma quadro di R&I dell’UE 2021-27.

L’accordo arriva dopo dieci mesi di esame legislativo del dossier – la proposta della Commissione risale a giugno 2018 – e tre mesi di intenso negoziato (sei triloghi informali in poco più di due mesi) e consente alle istituzioni UE di raggiungere l’obiettivo previsto a inizio percorso, ovvero chiudere un accordo politico su gran parte del testo del prossimo programma prima della fine della legislatura in corso e delle elezioni europee del prossimo maggio.
L’accordo comprende, tra le altre cose: gli obiettivi generali e specifici, la struttura e l’articolazione in pilastri, le denominazioni dei cluster, le possibili aree per missioni e partenariati e i criteri per individuarli e definirli, le regole di partecipazione e finanziamento, le norme su etica e sicurezza, i criteri di valutazione, la struttura, gli obiettivi e i contenuti dello European Innovation Council.
Restano invece fuori dall’accordo, almeno per il momento, gli aspetti orizzontali, soggetti all'accordo generale sulla programmazione UE 2021-27: il bilancio complessivo del programma e la sua ripartizione interna; le norme sull’associazione dei paesi terzi; le sinergie con gli altri programmi settoriali.
L’accordo provvisorio sarà approvato formalmente nelle prossime settimane sia dal Parlamento sia dal Consiglio.
Il negoziato proseguirà nei primi mesi della prossima legislatura – protagonisti la nuova Commissione e il nuovo Parlamento – per definire le parti non coperte dall’accordo provvisorio.
 

Fonte: Obiettivo FP9






letto 99
ultimo aggiornamento: venerdì 22 marzo 2019 - 13:25