Arcavacata, mercoledì 27 luglio 2016

Mondiale di Formula Sae, la monoposto dell’Unical arriva quarta



Nel 2006 l'Unical Reparto Corse ha iniziato la sua avventura nella formula SAE, una prestigiosa competizione internazionale che vede gli studenti di ingegneria cimentarsi nella progettazione e costruzione di una vettura da corsa per poi competere, con i colleghi provenienti da tutto il mondo, in appassionanti gare di velocità ed abilità.
In questi 11 anni l'Unical ha partecipato a questo tipo di manifestazione ben 7 volte, 6 di queste con una propria vettura. Nelle varie partecipazioni l'unical reparto corse ha sempre primeggiato nelle prove teoriche della competizione ma ha spesso sofferto il gap tecnologico con le più blasonate e, soprattutto ricche, università europee ed americane.
Ma il duro lavoro di questi undici anni ha, finalmente, portato i suoi frutti ricompensando i tanti studenti dell'Unical che si sono succeduti e che hanno duramente lavorato per raggiungere il loro sogno: quello di costruire una vettura da corsa.
Il 25 luglio, infatti,  si è conclusa  l'edizione 2016 della formula SAE ITALY che ha visto l'Unical Reparto Corse primeggiare nella competizione. Il risultato ottenuto è, infatti, incredibilmente importante perché i nostri ragazzi, tutti calabresi, hanno raggiunto un importantissimo IV posto su 40 università provenienti da tutto il mondo, ad un passo da un podio, distante un niente. Il risultato finale ha visto Aetos, è questo il nome della vettura dell'Unical, arrivare al quarto posto nella gara di accelerazione (4.01sec rispetto ai 3.79sec della prima classificata); settima nello skid pad (5.16 sec rispetto ai 4.96sec della prima); settima nell'autocross e terza nella prova di endurance. Guardando alle sole prove dinamiche, Aetos è stata la terza macchina più veloce in pista, dietro solo ad una vettura tedesca ed una polacca, ma davanti a tutte le  università italiane (politecnico di Milano e delle Marche, università di Padova, Pisa, Parma, Bologna, Lecce, Tor Vergata e Firenze).
Guardando alle prove teoriche, invece, a conferma dell'eccellente lavoro svolto dai giovani studenti calabresi, c'è un prestigiosissimo terzo posto nel design della vettura, riconoscimento dato direttamente da Aldo Costa, ex progettista Ferrari ed ora progettista in Mercedes F1.
Infine, la classifica finale vede il reparto corse calabrese quarto con 723 punti dietro l'Università di Firenze con 745 punti, l'Università di Blalistok con 778 punti e l'Università di Coburg arrivata prima con ben 915 punti su 1000.
'Ho visto i ragazzi del team piangere per un podio sfumato per così pochi punti' ha detto il prof. Muzzupappa al termine della gara, 'ma non bisogna fermarsi a guardare il bicchiere mezzo vuoto dei punti non conquistati, ma guardare i 723 punti conquistati, perche questa è un'impresa incredibile che dimostra solo in parte il valore di questi ragazzi, le loro capacità e la loro preparazione. Un traguardo che premia un affiatatissimo gruppo di 25 studenti dell'Unical di cui 19 di ingegneria meccanica ed energetica, 5 di ingegneria gestionale ed 1 di giurisprudenza. Questi giovani studenti ci insegnano una grande verità: non possiamo e non dobbiamo nasconderci dietro le difficoltà, gli imprevisti o la sfortuna; non possiamo giustificarci per un contesto che spesso ci rema contro, ci critica e ci ostacola. Se desideriamo veramente raggiungere un obiettivo, anche ambizioso,  lo studio, la dedizione e la passione sono strumenti sufficienti per raggiungerlo. E provate a pensare cosa si potrebbe fare se qualcuno si decidesse ad investire concretamente su questi giovani!'
 






letto 3616
ultimo aggiornamento: mercoledì 27 luglio 2016 - 10:11