Arcavacata, mercoledì 16 dicembre 2020

L’Unical rinnova l’offerta formativa: si preparano le figure professionali del futuro

Non solo Medicina: arriva una riforma organica della didattica, la prima dopo l’introduzione del 3 più 2. Una risposta concreta alle richieste del territorio e ai nuovi scenari occupazionali


Il Senato Accademico ha approvato all’unanimità l’offerta formativa per l’anno accademico 2021/2022, che prevede l’attivazione di nuovi corsi di laurea per i neodiplomati.

Tra le proposte deliberate rientra il già annunciato corso in Medicina, interateneo con l’università Magna Graecia, che consentirà di conseguire anche un secondo titolo in Ingegneria informatica, curriculum bioinformatico: i due atenei stanno definendo il nome, tra le ipotesi ‘Medicina e Tecnologie digitali’.

 

Con il voto del Senato arriva a coronamento un lavoro di riforma organica della didattica d’ateneo, la prima dall’introduzione, a inizio Duemila, del 3 più 2. La governance dell'ateneo e i Dipartimenti hanno rinnovato i percorsi di studio dopo aver compiuto un’accurata analisi dell’offerta esistente e della sua attrattività rispetto alla domanda che arriva dal territorio e agli scenari occupazionali. Il risultato è l’attivazione di nuovi corsi di laurea, ma anche innovazioni nei contenuti dei corsi esistenti e nell’attività didattica, che saranno approvate nei prossimi mesi. Infine, è in corso anche una profonda revisione dei bienni magistrali con la riorganizzazione di alcuni corsi esistenti e l’aumento delle lauree internazionali, erogate in lingua inglese.

Le proposte di nuova istituzione passano ora alla valutazione del Coruc, il Comitato regionale di coordinamento delle università calabresi, che si riunirà lunedì 21dicembre.

Di seguito il dettaglio.

NUOVI CORSI – Il Senato Accademico ha dato il via libera all’istituzione dei seguenti corsi di laurea triennale e magistrale a ciclo unico:

·  Medicina e Tecnologie digitali: Il corso, proposto insieme all’Università ‘Magna Graecia’ di Catanzaro, punta a formare nuovi medici, con solide competenze in Intelligenza artificiale e Data science (classe delle lauree LM-41 – ‘Medicina e Chirurgia’, magistrale a ciclo unico)

·  Media e Società digitale – Il corso mira a fornire competenze nei settori della comunicazione digitale e multimediale, soprattutto all’interno delle istituzioni pubbliche e delle organizzazioni sociali e nell’ambito della produzione cinematografica e audiovisiva (classe delle lauree L-20 – ‘Scienze della Comunicazione’)

·  Mediazione linguistica – Il corso punta a formare professionisti nell’ambito della comunicazione interculturale, con solide competenze linguistiche affiancate da conoscenze approfondite di ambito giuridico-economico (classe delle lauree L-12 – ‘Mediazione linguistica’)

·  Scienze e Ingegneria dei materiali – Il corso mira a formare laureati capaci di comprendere le relazioni che sussistono tra le proprietà funzionali e strutturali dei materiali, la loro morfologia e composizione chimica, con competenze nell’ambito dei processi di trasformazione e delle tecnologie di lavorazione degli stessi (classe delle lauree L-9 – ‘Ingegneria industriale’)

·  Ingegneria chimica – Attivato come trasformazione del corso esistente in Ingegneria alimentare, mira a formare la figura professionale di ingegnere chimico con due percorsi: “Processi” e “Alimentare” (classe delle lauree L-9 – ‘Ingegneria industriale’)

·  Scienze dell’educazione (sdoppiamento) – Sono oltre mille ogni anno le domande di ammissione per i corsi Unical che formano educatori e insegnanti. Per rispondere alla crescente richiesta che arriva dal territorio, l’ateneo ha deciso di attivare un secondo corso di Scienze dell’educazione, in modalità mista (classe delle lauree L-19 – ‘Scienze dell’educazione e della formazione’)

LAUREE MAGISTRALI – È in corso la riorganizzazione dei corsi di laurea magistrale, con un occhio attento soprattutto agli sbocchi professionali e alle prospettive occupazionali. Il lavoro di riforma, qui, ha già visto l’approvazione di ben 11 corsi internazionali, erogati interamente in lingua inglese e ai quali si potrà accedere con bando d’ammissione internazionale.

I corsi attivati saranno: Biotechnology, Chemistry, Computer Science, Finance and Insurance, Mathematics, Nutritional Sciences, Robotics and Automation Engineering (curriculum), Sciences and Tecnhologies for the management of marine environment (curriculum), Sustainable Management of Natural Resources (curriculum), Physics, Telecommunication Engineering: Smart Sensing, Computing and Networking.

(In foto la riunione con i Dipartimenti per l'avvio della riforma didattica, lo scorso settembre) 






letto 10454
ultimo aggiornamento: venerdì 18 dicembre 2020 - 11:48