Arcavacata, giovedì 9 luglio 2020

Avviato il pagamento dell’ultima rata delle tasse universitarie, rinviata per l’emergenza Covid

L’Unical tra i pochi atenei a prorogare fino alle soglie di agosto il pagamento. Il rettore Leone: «Avremmo voluto fare di più per le famiglie, ma finora non sono arrivate da Governo e Regione misure per sostenere la detassazione nell’anno in corso»


È disponibile su Esse3 il bollettino per il pagamento dell’ultima rata delle tasse universitarie, la cui scadenza, in origine fissata al 31 maggio, era stata rinviata al 31 luglio.

La dilazione del pagamento delle tasse per l’anno accademico in corso è una delle misure che l’Università della Calabria ha adottato nelle settimane scorse per venire incontro alle esigenze delle famiglie colpite da una crisi sanitaria diventata ormai anche economica. L’ateneo ha anche anticipato il pagamento delle borse di studio, liquidate a tutti gli aventi diritto, ha assegnato ed erogato per la prima volta i premi di laurea a tutti gli idonei, ha concesso esoneri ai laureandi costretti a rinviare la discussione della tesi per l’emergenza in corso.

«L’Unical conosce e comprende le difficoltà che le famiglie sono costrette ad affrontare in questi mesi difficili. L’ateneo – dice il rettore dell’Unical Nicola Leone – ha messo in campo tutte le misure sostenibili per alleviare, per quanto possibile, quelle difficoltà. Avremmo voluto fare di più, ma non abbiamo ricevuto risorse destinabili a questo scopo. Abbiamo rinviato il pagamento dell’ultima rata, e siamo tra i pochi atenei ad essersi spinti ben oltre la fine di giugno, anche nell’attesa che altri enti, ai quali sono assegnate funzioni sociali, adottassero provvedimenti per consentire alle università di ridurre il carico contributivo».

La Regione Calabria ha concesso un contributo agli studenti fuori sede, per far fronte alle spese che comporta frequentare l’università lontano dalla propria residenza, e ha garantito ulteriori fondi per le borse di studio degli atenei calabresi. Il Governo, nell’atteso decreto per l'alleggerimento delle tasse studentesche, pervenuto ieri, ha concentrato tutte le misure sull’anno accademico 2020/2021. Non sono arrivate invece finora, né dalla Regione né dal Governo, misure finalizzate a sostenere la detassazione per l’anno accademico in corso e a compensare quindi il mancato gettito.

«Nessun ateneo ha ridotto le tasse universitarie, salvo rarissime eccezioni, limitate a casi specifici. E ora, pur condividendo l’allargamento della no Tax Area concesso dal governo per il prossimo anno e gioendo per studenti e famiglie, siamo preoccupati, perché prevedendo una compensazione insufficiente rispetto al mancato gettito che si genererà, si rischia – avverte il Rettore – un impatto negativo sul bilancio 20/21».

I dati, ormai quasi definitivi, segnalano peraltro già sul bilancio 2019/2020 una riduzione delle entrate da contribuzione studentesca di oltre un milione e mezzo rispetto all’anno accademico precedente.

«Il lockdown non deve trasmettere un’immagine distorta della realtà – continua il rettore Nicola Leone – L’Università in questi mesi non è stata chiusa, né ha sospeso le sue funzioni istituzionali. L’Unical non si è fermata, ha garantito l’attività didattica, ha portato avanti la ricerca, si è fatta carico di nuovi interventi e attività imposte dall’emergenza sanitaria in corso».

 

Ulteriori informazioni: Generata ultima rata a.a. 2019/2020

 

 






letto 2128
ultimo aggiornamento: giovedì 09 luglio 2020 - 17:22