Università della CalabriaHRS4RUniversità della CalabriaHRS4R
Università della CalabriaHRS4R
Cerca
Cerca
RubricaRubrica
Italian English Cinese Francese Portoghese Spagnolo Arabo Russo
Storia e missione
Organi
Linee strategiche
Assicurazione della qualità
Statuto e regolamenti
Amministrazione Trasparente

Linee strategiche

Il Piano Strategico 2020-2022 fissa gli obiettivi di sviluppo con importanti investimenti per studenti e infrastrutture

Il Piano Strategico 2020-2022 dell'Università della Calabria è lo strumento che definisce le direttrici di sviluppo dell’ateneo nel triennio.

Si tratta di un piano ambizioso che prevede importanti investimenti, con una particolare attenzione dedicata agli studenti per didattica e servizi. 

In particolare, nel piano l’Unical delinea la propria strategia di sviluppo triennale in cinque macro-aree. 

L’area della formazione e l’area della ricerca sono i due pilastri del sistema universitario. 

Per quanto riguarda la formazione, l’ateneo tra i suoi obiettivi si propone di riqualificare e migliorare l’attrattività della propria offerta di corsi di studio; innovare la qualità della didattica; supportare gli studenti perché conseguano il titolo nei tempi previsti e aiutarli nell’accesso al mondo del lavoro.

Per la ricerca sono previsti il potenziamento dei laboratori, la riorganizzazione dei dottorati e una serie di misure utili per migliorare la qualità degli studi prodotti, incentivando la partecipazione a bandi competitivi e le collaborazioni tra i dipartimenti e a livello internazionale

A formazione e ricerca si affianca naturalmente l’area della terza missione e dell’impegno sociale, come ambito nel quale declinare in modo organico e sistematico le iniziative volte al consolidamento dei legami con il territorio e alla sua valorizzazione sociale e culturale. 

Parallelamente, l’Università della Calabria identifica due ulteriori direttrici legate al modello di Campus che la caratterizza: l’area internazionale e l’area dei servizi agli studenti. La prima raccoglie obiettivi e azioni strategiche che si intendono perseguire per migliorare la collocazione dell’Ateneo nel panorama internazionale. La seconda inquadra invece le iniziative mirate a sostenere gli studenti nel proprio percorso di studi, con particolare riferimento all’erogazione di servizi e borse per il diritto allo studio. 

Per ciascuna delle cinque aree strategiche, il piano definisce le linee di sviluppo, partendo dalla descrizione dello stato attuale con un'analisi accurata dei punti di forza e degli aspetti da migliorare nel prossimo triennio, e organizzandole in obiettivi e azioni strategiche con opportuni indicatori di risultato.

Gli obiettivi strategici dell’Unical non si risolvono tuttavia unicamente nelle cinque aree suddette. Per perseguire efficacemente le proprie politiche di sviluppo, l’Ateneo ritiene indispensabile prestare attenzione anche ad alcuni elementi che agiscono da fattori abilitanti trasversali alle varie aree. L’Unical ha quindi catalogato questi fattori abilitanti in quattro gruppi: efficienza ed efficacia dell’azione amministrativa, strutture e infrastrutture, sostenibilità e comunicazione. Per ciascun gruppo, il piano definisce anche in questo caso azioni strategiche, indicatori di risultato, responsabilità e risorse.

«Da una parte, il raggiungimento di questi obiettivi richiederà uno sforzo corale della comunità accademica e una efficace azione di coordinamento e di guida della governance e dei responsabili. Dall’altra – commenta il rettore Nicola Leone – è evidente che si tratta di un piano coraggioso, fatto di apprezzabili investimenti e che scommette sulla capacità dell’Ateneo di essere competitivo e di realizzare opere importanti in tempi ristretti».

Per garantire l’effettiva attuazione e la massima efficacia delle azioni delineate nel piano strategico, l’Ateneo si dota infine di un sistema di monitoraggio e riesame che prevede una rendicontazione periodica dello stato di avanzamento tesa a individuare eventuali scostamenti tra i risultati attesi e quelli effettivamente conseguiti e a suggerire, se necessario, opportune azioni correttive.