University of CalabriaHRS4RUniversity of CalabriaHRS4R
University of CalabriaHRS4R
Search
Search
Address bookAddress book
Italian English Chinese French Portuguese Espanol Arabic Russian
Share on FacebookShare on TwitterShare on WhatsappShare on LinkedinShare on Email

Published Dec. 28, 2022, 8:32 p.m.

I medici cubani assunti dalla Regione a lezione di italiano all’Unical

Il 2 gennaio i primi 50 professionisti frequenteranno un corso intensivo, prima di essere assegnati nei diversi ospedali della Calabria

cla

Arriveranno all’Unical il 2 gennaio 2023 i medici provenienti da Cuba che verranno impegnati in supporto alla sanità pubblica regionale. Saranno 50 i primi specialisti chiamati dalla Regione Calabria a rafforzare i presidi ospedalieri e territoriali, che all’università di Rende seguiranno un corso intensivo di lingua italiana, coordinato dal professoressa Carmen Argondizzo. 
Al momento all’Unical sono iscritti anche altri quattro medici cubani e un medico dominicano, studenti di Scienze della nutrizione. I cinque studenti, immatricolati tra il 2019 e il 2021, hanno potuto iscriversi all’ateneo grazie ad una borsa di studio sul progetto Pac Unicaribe, finanziato dalla Regione Calabria, di cui è responsabile scientifico il professor Lorenzo Caputi, delegato del Rettore per le relazioni con la Repubblica di Cuba, la Repubblica Dominicana e la Repubblica di Costa Rica. E anche gli stessi medici in arrivo da Cuba potranno beneficiare di una borsa di studio nell’ambito
dello stesso progetto.
La relazione tra Unical e Cuba è, d’altronde, consolidata attraverso una stretta relazione con
l'Università di Santiago de Cuba, attraverso la quale nel 2017 sono stati immatricolati nel campus
italiano i primi 6 studenti cubani. Negli anni, il numero di iscritti è aumentato notevolmente e,
attualmente, conta un totale di 240 studenti provenienti dall'isola caraibica che si sono
contraddistinti per l'elevato profitto negli studi. Non è un caso è stata proprio una studentessa
cubana a parlare a nome degli studenti nella cerimonia di apertura dell’attuale anno accademico.
I medici cubani frequenteranno lezioni di formazione finalizzate al consolidamento delle
competenze linguistiche italiane, organizzate dal Centro linguistico di ateneo, con un corso
intensivo di 60 ore più 20 facoltative.
L’esigenza di concentrare i tempi nasce dalla considerazione che il personale medico verrà
impiegato, nell’arco. di poche settimane, all’interno delle strutture ospedaliere. Di conseguenza,
sarà necessario un supporto linguistico che, nell’immediatezza, possa dare ai medici cubani la
possibilità di immergersi nel contesto sociale regionale e riesca, con linguaggio semplice ma
accurato, a comunicare per socializzare e per espletare le mansioni professionali.
In particolare, l’erogazione di corsi consentirà al personale medico cubano di apprendere la lingua
italiana per raggiungere obiettivi di tipo professionale (come ad esempio: interagire con i propri
colleghi, socializzare con i pazienti e capire le loro esigenze, partecipare a riunioni professionali,
comprendere testi di carattere medico-specialistico) e facilitare le relazioni interpersonali
nell’ambito della comunità professionale e all’interno del contesto territoriale. Terminati i corsi, i
professionisti saranno assegnati dalla Regione, secondo le diverse esigenze e specializzazioni, nelle
aziende sanitarie e ospedaliere calabresi.

tags

unical cla leone medici cubani sanità