University of CalabriaHRS4RUniversity of CalabriaHRS4R
University of CalabriaHRS4R
Search
Search
Address bookAddress book
Italian English Chinese French Portuguese Espanol Arabic Russian
Share on FacebookShare on TwitterShare on WhatsappShare on LinkedinShare on Email

Published Oct. 22, 2022, 7:34 p.m.

Diritto allo studio, completata all’Unical l’assegnazione degli alloggi a tutti gli studenti beneficiari

L’ateneo sta anche reperendo ulteriori posti letto per gli idonei non vincitori di borsa in attesa dei fondi statali e regionali

Leone e Studenti

La copertura del 100 per cento delle borse di studio rimane un obiettivo strategico dell’Università della Calabria sul quale l’attuale governance ha sempre profuso massimo impegno. Una conquista, assolutamente non scontata, assicurata lo scorso anno dall’investimento di 2,6 milioni di risorse proprie e dall’anticipo di 6 milioni nel bilancio l’Ateneo, che hanno completato i fondi statali e regionali che, per legge, sono destinati a tale scopo. 

Anche quest’anno l’università farà il possibile per garantire il raggiungimento di questo obiettivo, in un quadro però più complesso del passato perché la platea degli aventi diritto si è ampliata, l’importo della borsa è aumentato e le risorse statali e regionali non sono ancora arrivate. L’ateneo, intanto, ha già assegnato in tempi rapidi l’alloggio a tutti i vincitori di borsa di studio e ha garantito il posto letto anche agli idonei non beneficiari che già avevano una residenza lo scorso anno nel campus.

Il rettore Nicola Leone, insieme al delegato al Diritto allo studio, ha incontrato questo pomeriggio (sabato 22 ottobre) i rappresentanti degli studenti presenti in Senato e Cda e il presidente del Consiglio degli studenti, definendo una serie di misure da porre in atto per alleviare i disagi degli idonei che non sono ancora beneficiari di borsa. Innanzitutto l’ateneo dispone l’assegnazione, entro il mese di ottobre, di posti letto aggiuntivi in alberghi dell’area urbana da destinare agli studenti allo stato non vincitori di borsa, partendo dagli immatricolati con ammissione anticipata, per poi proseguire con tutti gli altri in ordine crescente di Isee. Si tratta degli hotel San Francesco di Rende e Royal di Cosenza, entrambi situati nei pressi delle fermate dei bus che raggiungono il campus.

Un’ulteriore misura riguarda il bando, riservato a studenti di anni successivi al primo, di collaborazione part-time per attività connesse ai servizi di ateneo: gli idonei non ancora assegnatari di alloggio (non beneficiari di borsa) potranno partecipare al concorso ed avranno anche priorità in graduatoria. Il monte orario si allargherà da 150 a 200 ore.

Un secondo bando, con un monte ore inferiore, sarà invece pubblicato ad hoc per gli studenti del primo anno, sempre idonei ma non assegnatari di alloggio.

Perché il numero di idonei non beneficiari quest’anno è maggiore

Lo scorso anno accademico hanno ricevuto la borsa di studio ben 6.800 studenti per una spesa complessiva superiore ai 24 milioni di euro. Un budget a cui ha contributo, come detto, l’ateneo anticipando e investendo risorse proprie. 

Quest’anno la situazione è ancora più complessa, perché abbraccia una platea più ampia di studenti: in osservanza al decreto 157/2021 del ministro dell’università e della ricerca, Maria Cristina Messa, infatti sono stati innalzati i limiti dell’Indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) e dell’Indicatore della situazione patrimoniale equivalente (ISPE) in modo da consentire a molti studenti in più di poter accedere alla borsa di studio. Inoltre è stato incrementato il valore degli importi delle borse di studio dall’anno accademico 2022/2023 che per gli studenti fuori sede, ad esempio, è passato da 1.700 a 3.400 euro (nell’incremento massimo per gli studenti con fascia reddituale più bassa). Se da una parte questo provvedimento è stato accolto con favore da molti studenti e dalle loro famiglie, dall’altra ha comportato un’ulteriore necessità, da parte dell’università, di ottenere maggiori fondi per coprire tutte le borse di studio. Fondi che al momento la Regione non ha ancora trasferito all’Unical. 

A questo si aggiunga l’attesa anche per i fondi integrativi a valere sul Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) non ancora erogati dal Governo, che ha integrato con 500 milioni totali il Fondo integrativo statale (Fis) per il periodo 2021-2026. 

Da qui l’impossibilità, da parte della governance, di assicurare da subito a tutti i beneficiari quanto dovuto. In questi giorni sono continue le interlocuzioni e i solleciti agli uffici della Regione per tentare di risolvere in tempi brevi la situazione. Inoltre il Rettore sta predisponendo un gruppo di lavoro che si occuperà in modo specifico dei rapporti con la Regione sul tema del diritto allo studio. 

Almalaurea: metà dei laureati Unical hanno usufruito di borsa di studio, il doppio degli studenti rispetto alla media nazionale

Solo per avere un’idea della portata delle misure, i dati Almalaurea 2022 spiegano che il 51% dei laureati in un corso di laurea di primo livello dell’Unical ha usufruito delle borse di studio, ben oltre il doppio rispetto alla media nazionale (23%), perché – come rileva l’indagine – la fruizione è più diffusa proprio laddove è più elevata la presenza di studenti provenienti da contesti socioeconomici meno favoriti. 

Nella sintesi dello studio Almalaurea sottolinea: “La borsa di studio, come sancisce la Costituzione Italiana, è lo strumento principale per il sostegno economico agli studenti “meritevoli e privi di mezzi”. La copertura della borsa di studio tuttavia non è del tutto completa, nonostante i miglioramenti degli ultimi anni, che l’hanno portata a superare il 97% degli aventi diritto, e non è omogenea su tutto il territorio nazionale: al Mezzogiorno, ad esempio, la percentuale dei borsisti sugli idonei è inferiore alla media nazionale”.

tags

unical Borse studenti Diritto allo studio alloggi